La nuova pubblicità è il Passaparola e si fa nella piazza dei Social Network

Il mercato cambia. Deve cambiare perché a cambiare per primi sono gli utenti cui il mercato si riferisce.

La nuova pubblicità è il Passaparola e si fa nella piazza dei Social Network - image  on https://www.web-station.it

Una decina d’anni fa, l’evoluzione del mercato vedeva l’e-commerce come la novità, la rivoluzione del commercio che dall’angolo della strada della propria città, apriva la sua vetrina sul mondo.L’e-commerce dell’era del Web 1.0 prevedeva un rapporto, tra azienda e utenza, unidirezionale; l’utente poteva decidere di acquistare un prodotto perché era stato colpito dai contenuti o dalla pubblicità proposti da una compagnia; sostanzialmente comprava a scatola chiusa.

Social media

L’avvento dell’era del Web 2.0, ha visto trasformarsi lo spazio statico della rete, in un’entità dinamica, in un luogo virtuale di chiacchiere, consigli, proposte, un nuovo World Wide Web che vede il suo popolo non solo gestire e indagare le informazioni presenti in rete, ma soprattutto dare vita a contenuti, che vengono confermati o confutati in una nuova cultura della condivisione e dell’interattività.

I social network hanno trasformato la rete in una piazza in cui si scambiano opinioni sui prodotti, sui brand, sui sevizi offerti; le aziende, oltre ad essere presenti sul web attraverso un sito ben strutturato, non possono ignorare questi dati, devono piuttosto sfruttarli per poter interagire con un target che includa i propri clienti, e i nuovi potenziali clienti.

La presenza sui Social Network è di primaria importanza: ogni azienda non dovrà solo produrre campagne pubblicitarie, ma in una nuova visione del fare marketing, dovrà innanzitutto porsi all’ascolto per conoscere quello che è importante per il proprio target, adeguando il suo modo di comunicare.Alla creazione dei contenuti risponde l’interazione continua con il cliente, che vedrà l’azienda come un nuovo punto di riferimento in grado di produrre soluzioni ed argomenti di valore. Ma non solo.

Utenti Social

I consumatori si aspettano che un’azienda sia in grado di prestare un servizio di qualità, fornire soluzioni tempestive, risolvere i problemi senza dover ricorrere al telefono o alle mail.Secondo uno studio americano un brand aumenta le probabilità di trasformare un utente in cliente se risponde alle sue richieste entro 8 minuti. La soluzione delle seccature in modo efficiente e veloce fa la differenza, rendendo un consumatore fidelizzato, nonché il miglior sostenitore del brand, sarà lui, soddisfatto, a creare il passaparola tipico dei social network aumentandone la reputazione anche tra chi non ha direttamente avuto una relazione col brand.

Web Station mette ogni società nelle condizioni di ottenere tutto questo, dapprima delineando il target giusto, la sue età, il sesso, gli argomenti di richiamo, i valori, la provenienza geografica.Una volta individuato il target, Web Station sarà in grado di fornire il profilo sociale giusto all’azienda che ha chiesto il suo intervento, costruirà un’immagine apprezzata dai potenziali clienti, in linea con il loro gusto e i loro interessi.Lo scopo sarà quello di garantire la visibilità nel modo che più si addice ad ogni compagnia.

Web Station interviene anche sugli strumenti già in possesso delle società che si rivolgo a lei, per migliorarne i livelli di comunicazione, come i siti Web.L’intervento è volto ad ottimizzare la sociabilità della compagnia, e se necessario Web Station realizzerà un nuovo sito internet, offrendo in un’unica interfaccia la presentazione aziendale, e l’interazione con i consumatori.

Sei d’accordo con noi? Vuoi migliorare la tua comunicazione sui Social?

image

Avatar
Luca Napolitano
Innamorato delle emozioni, indomabile viaggiatore, adoro le storie, la scoperta e l’avventura. Non meno la concretezza e la risolutezza. Osservo e studio i mercati, i cambiamenti e le tendenze, indispensabile attività per offrire ai clienti consulenze di marketing che li aiutino a emergere, a vendere e a fidelizzare. Risultati è la mia parola d’ordine.
Write a Comment