Identità aziendale: cos'è + 5 regole di condotta

Identità aziendale: cos’è + 5 regole di condotta

Puoi avere un’idea geniale e un prodotto capace di soddisfare una specifica esigenza in modo innovativo e sorprendente ma se questo valore aggiunto non è percepito come tale dal tuo target di riferimento, la tua idea geniale sarà solo un’idea banale.

La questione è complessa e delicata, vero? Probabilmente sì, ma la risposta e la soluzione esiste e si chiamata identità aziendale (o corporate identity o, ancora, brand identity).

 

Cos’è l’identità aziendale?

L’identità aziendale è l’insieme degli elementi distintivi di un brand: la sua personalità, i suoi core values, il suo carattere e tutto quello che può renderlo unico, capace di differenziarsi dai suoi competitors e di incidersi nella mente e nel cuore del suo target di riferimento in modo preciso, inequivocabile e solido. L’identità aziendale, infatti, determina e decide il posizionamento, ovvero il posto che il brand vuole occupare nella mente del cliente finale. In che modo vuoi renderti riconoscibile? Come desideri che i tuoi (potenziali) clienti ti ricordino? Come vuoi che ti percepiscano? E quali sono le ragioni per cui dovrebbero prima affezionarsi, poi fidarsi e, infine, legarsi a te nel tempo?

Rispondere con precisione a queste domande significa costruire la propria identità aziendale e determinare il posizionamento del brand nel mercato di riferimento, in modo chiaro e specifico.

 

Perché hai bisogno di un’identità aziendale?

Prima ancora di lanciarti sul mercato, di promuoverti, di desiderare fatturato e di augurarti prospettive di business longeve, hai bisogno di un’identità aziendale ben definita, studiata e coerente. Le ragioni sono diverse:

  • l”identità aziendale parla di te ed esclusivamente di te, perciò ti rende distinguibile rispetto ai tuoi competitors;
  • la bran identity comunica chi sei, cosa sai fare e in che modo puoi e vuoi renderti utile e prezioso per i tuoi (potenziali) clienti, così esplicitando con immediatezza cosa puoi fare per loro;
  • l’identità aziendale ti rende memorizzabile e riconoscibile;
  • la corporate identity stimola l’affetto delle persone;
  • la corporate identity è la base su cui costruire la tua reputazione;
  • l’identità aziendale ti permette di stabilire rapporti di fiducia con i tuoi clienti e, quindi, di fidelizzarli nel tempo.

Solo se le persone hanno ben chiaro in mente (ritorna il concetto di posizionamento di marca) chi sei, cosa puoi fare per loro e perché dovrebbero scegliere proprio te (si parla di value proposition, ovvero di promessa di valore) si convinceranno non solo ad acquistare la prima volta ma anche a continuare a farlo nel tempo. Come riuscirci? Devi seguire queste 5 regole di condotta.

 

 

Le 5 regole di condotta della brand identity

Vuoi costruire un’identità aziendale distintiva e solida? Non puoi farlo se non rispettando queste cinque preziose regole di condotta:

 

#1. L’identità identifica

Può sembrarti scontato, forse, ma ti assicuro che non lo è. L’identità aziendale deve identificarti con chiarezza a precisione, deve comunicare chi sei ed esattamente chi sei. Non può e non deve lasciare spazio ad equivoci né a malintesi, a dubbi e neppure a perplessità. L’identità aziendale sei tu.

Come puoi costruire un’identità in grado di renderti distinguibile? Devi cominciare dai tuoi obiettivi: qual è la tua meta? Quali risultati vuoi raggiungere? Tutto inizia da un’approfondita analisi di mercato, che ti aiuta a comprendere come funziona il settore in cui operi e come si comportano i tuoi competitors, a stabilire con precisione il tuo target di riferimento e a decidere con quale messaggio intendi raggiungerlo.

Per approfondire ti consiglio di leggere Analisi di mercato: cos’è e a cosa serve.

 

#2. Assicurati che tra identità aziendale e immagine aziendale vi sia coerenza

L’identità aziendale indica chi sei, l’immagine aziendale è il modo in cui i tuoi clienti e i potenziali tali ti percepiscono. La prima, quindi, attiene alla sfera interna del tuo brand, la seconda a quella esterna. Se il modo in cui il tuo target di riferimento ti percepisce non risponde a chi tu sei realmente, è evidente che qualcosa non funziona: probabilmente non possiedi una corporate identity ben chiara e definita oppure non stai riuscendo a comunicarla con coerenza.

Come assicurare coerenza tra brand identity e brand image?

  • Il messaggio che comunichi deve essere sempre in linea con i tuoi core values;
  • il tuo aspetto (design, grafica, logo, colori) deve comunicare con immediatezza e chiarezza lo stesso identico messaggio che veicolano le parole;
  • gli strumenti di comunicazione, sia interna sia esterna all’azienda, devono essere coordinati con coerenza e strategia.

 

 

#3. Comunica

Comunicare vuol dire farti conoscere, raccontare chi sei, dimostrare cosa sai fare, guadagnarti il rispetto, l’affetto e la fiducia delle persone. Comunicare vuol dire promuoverti, avere visibilità, farti notare e, soprattutto, costruire legami capaci di sostenerti, di sceglierti e di durare nel tempo.

Quando la comunicazione aziendale riesce ad essere realmente efficace?

  • Quando comincia da una strategia attentamente studiata;
  • quando sono ben chiari gli obiettivi del messaggio, i suoi destinatari e il contenuto;
  • quando si pianificano attentamente gli strumenti e il timing;
  • quando si monitorano e si analizzano i risultati ottenuti, così da adattare e migliorare continuamente la strategia.

 

#4. Il posizionamento deve (cor)rispondere alla corporate identity

Il posizionamento che il tuo brand occupa nella mente dei tuoi clienti e potenziali tali, ovvero il modo in cui ti percepiscono e ti ricordano, deve necessariamente (cor)rispondere alla tua identità aziendale. Eventuali distonie comportano criticità, poiché significherebbe che il tuo target di riferimento non sa con esattezza chi tu sia né cosa puoi fare di utile e di prezioso per loro. Stando così le cose, credi che le persone acquisterebbero da te? E credi che, se anche riuscissi a convincerle a farlo per la prima volta, tornerebbero poi in futuro? Continuerebbero a fidarsi di te?

 

#5. La values proposition deve rispettare la promessa

Disattendere le promesse è quanto di più dannoso possa esserci nel business. Quando prometti qualcosa alle persone che ti stanno dedicando la loro attenzione, il loro tempo e, ancor più importante, la loro fiducia devi avere grande rispetto per loro. Questo significa che non puoi tradirle non mantenendo le promesse, piuttosto devi riuscire non solo a soddisfarle ma, se possibile, anche a sorprenderle. E’ in questo modo che conquisterai il loro affetto e la loro stima.

 

 

Hai bisogno di professionisti che ti aiutino a sviluppare e consolidare il tuo business? Desideri informazioni? Vuoi un preventivo?

 

Siamo qui per te. Contattaci!

[caldera_form id=”CF58d7a571da505″]

Maria Butsko
Maria Butsko

Macchinetta fotografica alla mano, mi immergo nelle suggestioni del mondo e le custodisco in uno scatto. È con lo stesso intimo spirito di osservazione che preservo le necessità dei clienti e le esigenze del team. Con oculata precisione, gestisco i progetti e le eventuali criticità. Il fine? Ottenere sempre il meglio.

Lascia un commento